DIRITTO DI DIFESA E CONTRADDITTORIO NELLA CONVALIDA DEL PROVVEDIMENTO QUESTORILE (CASS., 16358/21)

(Cassazione penale, sez. III, 29 aprile 2021, n. 16358)

#2021_UN_ANNO_DI_SENTENZE

di seguito uno stralcio della pronuncia

(a cura di Giuliana Costanzo)


“(…) É principio consolidato nella giurisprudenza della Corte di cassazione quello per cui, al fine di assicurare effettività al principio del contraddittorio cartolare, da cui è contraddistinta la fase della convalida del provvedimento questorile di cui alla legge 13 dicembre 1989, n. 401, art. 6, comma 2, è necessario che la convalida del G.I.P. non intervenga prima che sia decorso il termine di quarantotto ore dalla notifica all’interessato stesso del provvedimento del Questore (…), termine dilatorio il cui mancato rispetto è causativo di nullità di ordine generale ex art. 178 c.p.p., lett. c), cod.proc.pen. (…). Parimenti, l’art. 6 comma 2 bis della legge 13 dicembre 1989, n. 401, introdotto dalla legge 19 ottobre 2001, n. 377, ha previsto che la notifica del provvedimento con cui si dispone, unitamente al divieto di accesso agli stadi, anche la misura dell’obbligo di presentazione, deve contenere l’avviso che l’interessato ha facoltà di presentare personalmente o a mezzo del difensore, memorie o deduzioni al giudice competente a convalidare il provvedimento.

Il tenore della norma, che prevede la possibilità per l’interessato di presentare memorie al giudice competente per la convalida, così da rendere effettivo il contraddittorio cartolare da cui è contraddistinta la fase della convalida del provvedimento questorile, è strettamente dipendente dai ristrettissimi tempi imposti per la convalida, cossichè non può ammettere depositi equipollenti.

Ed è proprio per l’effettiva garanzia dell’esercizio di difesa, che, come ripetutamente affermato dalla giurisprudenza di questa Corte, la convalida del Giudice non deve intervenire prima che sia decorso il termine di quarantotto ore dalla notifica all’interessato stesso del provvedimento del questore (…) così da garantire il diritto di difesa da svolgersi in via cartolare.

In tale ambito, al fine di assicurare effettività al principio del contraddittorio cartolare nei tempi ristretti, in ragione del bene della libertà personale che è in gioco, si è affermato che l’eventuale memoria difensiva dell’interessato debba essere depositata presso il giudice competente per la convalida, come prescrive l’art. 6 comma 2 bis cit., non essendo ammissibili depositi equipollenti.

5. Ora, risulta che il difensore del ricorrente ha depositato memoria difensiva al Giudice della convalida in data 21/10/2020, con cui ha esercitato, attivando il contraddittorio cartolare, il diritto di difesa, e il provvedimento di convalida è intervenuto dopo il deposito della memoria difensiva, in data 22/10/2020, senza indicazione di orario.

Il provvedimento di convalida del Giudice è intervenuto dopo il deposito della memoria e, dunque, dopo l’esercizio del diritto di difesa, a presidio del quale la giurisprudenza afferma la necessità, da parte del Giudice, del rispetto del termine dilatorio di quarantottore dalla notificazione del provvedimento all’interessato, per l’adozione del provvedimento di convalida.

In tale situazione il ricorrente non deduce motivi attinenti alla lesione del diritto di difesa, quali la mancata presa in carico delle deduzioni difensiva, ma deduce unicamente la questione formale dell’assenza di indicazione dell’ora di deposito del provvedimento di convalida, con conseguente nullità del provvedimento.

Tale censura non è fondata.

É ben vero che è stato affermato che l’indicazione della data, ma non dell’ora di deposito di un provvedimento soggetto a termine “orario”, comporta la nullità dell’ordinanza questorile quanto all’obbligo di presentazione. Ma tale affermazione deve coniugarsi con la funzione propria per la quale è stato previsto, dalla giurisprudenza, il termine dilatorio, e qualora risulti in concreto esercitato il diritto di difesa, a presidio del quale è posto il termine dilatorio, attraverso il deposito di memoria scritta, che è l’unica modalità di esercizio della difesa non essendo previsto un contraddittorio in presenza, la mera deduzione del mancato rispetto dell’indicazione dell’ora del provvedimento non comporta la nullità del provvedimento di convalida, ai sensi dell’art. 178 comma 1 lett. e) cod.proc.pen., non potendosi configurare una lesione del diritto di difesa.

6. Va, quindi, affermato che qualora il destinatario del provvedimento del questore abbia esercitato il diritto di difesa, attivando il contraddittorio cartolare, mediante il deposito di memoria scritta e il Giudice, successivamente, abbia convalidato il provvedimento questorile, deve escludersi la violazione di cui all’art. 178 comma 1 lett. c) cod.proc.pen. per la mancata indicazione dell’ora di deposito del provvedimento di convalida. (…)”


Per ulteriori pronunce degli anni 2018, 2019, 2020, 2021 iscriviti al gruppo Le Sentenze del 2020-2021 più rilevanti per l'esame di Avvocato e Magistratura

26 visualizzazioni0 commenti